Giada Paolini, Italian Art Photographer since 2011, tells her story by relying on artistic and emotional images.
She has already exhibited her works at Biennale of Venice such as in the art galleries in Paris, Milan, London, New York and Miami.
As she loves to say "the self timer is the best portrait of a life instant."
Through the images, using her body, her hands and her face as main subjects, she wants to stimulate a deeper reflection.
A direct communication without constraints and barriers.
Her technical and instrumental ability reduce touch-up at minimum, everything is natural as the human eye can see.
She's able to perform everything independently, starting from the make-up, passing trough the clothes choice, till the background scenography insert in the context of the location choiced, identified to the anchieve the artistic performance.

Giada Paolini, fotografa d'arte italiana dal 2011, racconta la sua storia basandosi su immagini artistiche ed emotive.

L'arista ha già esposto le sue opere in eventi importanti come la Biennale di Venezia, ed anche in gallerie e arte fiere internazionali tra Parigi, Milano, Londra, New York e Miami.

Come le piace dire "l'autoscatto è il miglior ritratto di un istante di vita".

Attraverso le immagini, usando il suo corpo, le sue mani e il suo viso come soggetti principali, vuole stimolare una riflessione più profonda.

Una comunicazione diretta senza vincoli e barriere.

La sua abilità tecnica e strumentale riduce al minimo il ritocco, tutto è naturale come l'occhio umano può vedere. È in grado di eseguire tutto in modo indipendente, a partire dal trucco, passando per la scelta dei vestiti, fino all'inserimento della scenografia di sfondo nel contesto del luogo scelto, identificato per ottenere la performance artistica.